Mercoledì 20 Settembre 2017                     

Conosci Felcos
Felcos informa
Partecipa a Felcos
Sostieni Felcos
Felcos informa / Notizie / Notizie FELCOS

È arrivata la Foody bag!

Oggi la conferenza stampa di presentazione della Rete dei Ristoratori Responsabili
28/03/2017


“Non essere timido. Porta a casa quello che non mangi!”. È questa la buona pratica che, attraverso l’ideazione e la creazione della Foody bag - una busta per l’asporto del cibo non consumato al ristorante - gli studenti del Liceo Classico “Frezzi-Beata Angela”, dell'Istituto Istruzione Superiore “Orfini” e dell'Associazione “CNOS FAP” di Foligno hanno deciso di promuovere a livello territoriale, per sensibilizzare la cittadinanza sull’importanza di ridurre lo spreco alimentare e con lo scopo di creare una Rete dei Ristoratori Responsabili.

Anticipando quanto espresso dalla recente legge nazionale contro lo spreco che incentiva l’utilizzo dei contenitori per l’asporto del cibo avanzato, gli studenti hanno inizialmente ripensato il nome della busta, per evitare che con il termine Doggy bag si continuino a considerare gli avanzi di cibo come qualcosa da destinare esclusivamente agli animali domestici. Successivamente hanno creato il logo e i materiali di promozione (una locandina, una vetrofania, un’informativa da inserire nei menù e un talloncino autoportante), al fine di coinvolgere i ristoratori del territorio e di creare una Rete dei Ristoratori Responsabili. Ai ristoratori che aderiranno all’iniziativa, impegnandosi a rispettare i princìpi contenuti nel vademecum di adesione, i ragazzi consegneranno il Kit del Ristoratore Responsabile, contenente una prima dotazione di Foody bag e i relativi materiali di promozione.

Un’iniziativa che incentiva il protagonismo e la creatività dei giovani, rendendoli attori responsabili in grado di incidere attivamente sui processi di cambiamento. I ragazzi, infatti, non sono soltanto i protagonisti della creazione dell’iniziativa, ma anche della sua promozione: da oggi pomeriggio inizierà l’attività di porta a porta che li vedrà proporre in prima persona la Foody bag presso i ristoratori della città di Foligno.

L’obiettivo dell’iniziativa, che si inserisce all’interno della Campagna di comunicazione contro lo spreco alimentare “Salva il cibo, ama il mondo” che FELCOS Umbria e il Comune di Foligno promuovono nel territorio attraverso il progetto europeo “DON’T WASTE OUR FUTURE!” e che è supportata, oltre che da FELCOS e dal Comune di Foligno, anche da ConfCommercio e ConfEsercenti, è quello di promuovere un cambiamento nelle abitudini dei cittadini, sensibilizzando consumatori e ristoratori sul tema dello spreco alimentare. Questi ultimi, impegnandosi in prima linea nel proporre la Foody bag ai propri clienti, contribuiranno così ad abbattere le resistenze sociali che, specialmente in Italia, continuano a ostacolarne la diffusione.

La conferenza si è aperta con i saluti della Vice Presidente di FELCOS Umbria e Assessore alla cooperazione internazionale del Comune di Foligno, Cristina Grassilli, che nel suo intervento ha ribadito l’importanza dell’educazione allo sviluppo sottolineando come “per poter costruire un mondo più equo, sostenibile e orientato al bene comune, pensiamo che sia quanto mai necessario agire, a partire dalle comunità locali, sul piano dell'educazione dei giovani cittadini per offrire loro gli strumenti per conoscere, interpretare e agire consapevolmente in un mondo sempre più interdipendente.”

Al cuore della mattinata ci sono stati gli interventi dei ragazzi, che hanno descritto l’iniziativa nel dettaglio partendo dal percorso formativo sul tema dello spreco alimentare e del diritto al cibo che li ha impegnati durante il primo anno di attività del progetto, fino alla creazione della Campagna “Salva il cibo, ama il mondo”.

Infine, l’Assessore allo Sviluppo economico Giovanni Patriarchi ha sottolineato l’importanza del coinvolgimento dei ristoratori della città: “Crediamo che entrare a far parte della Rete dei Ristoratori Responsabili sia, prima di tutto, un’opportunità. Essere un Ristoratore Responsabile vuol dire impegnarsi in una serie di azioni e comportamenti virtuosi che contribuiscono in modo sostanziale a ridurre il problema dello spreco alimentare, partendo dalla sensibilizzazione dei propri clienti. Affinché questa buona pratica diventi una prassi consolidata nel tempo è necessario che i ristoratori aderenti si impegnino a sostenere l’iniziativa anche una volta terminata la prima fornitura di Foody bag”.

È importante ricordare – ha proseguito l’Assessore “che la promozione della Foody bag è una delle principali richieste contenute nella Carta DON’T WASTE OUR FUTURE! - Manifesto europeo dei Giovani e degli Enti locali per la riduzione dello spreco alimentare e per il diritto globale al cibo”, elaborata dai giovani e dalle Autorità locali europee nell’ottobre del 2015. Siamo orgogliosi quindi che il Comune di Foligno dia attuazione ai principi della Carta ancora prima che questa venga adottata ufficialmente dall’amministrazione Comunale, adesione che verrà formalizzata a breve.”

 

 

 

 

 

 

 

È arrivata la Foody bag!

Oggi la conferenza stampa di presentazione della Rete dei Ristoratori Responsabili

 

 

“Non essere timido. Porta a casa quello che non mangi!”. È questa la buona pratica che, attraverso l’ideazione e la creazione della Foody bag - una busta per l’asporto del cibo non consumato al ristorante - gli studenti del Liceo Classico “Frezzi-Beata Angela”, dell'Istituto Istruzione Superiore “Orfini” e dell'Associazione “CNOS FAP” di Foligno hanno deciso di promuovere a livello territoriale, per sensibilizzare la cittadinanza sull’importanza di ridurre lo spreco alimentare e con lo scopo di creare una Rete dei Ristoratori Responsabili.

 

Anticipando quanto espresso dalla recente legge nazionale contro lo spreco che incentiva l’utilizzo dei contenitori per l’asporto del cibo avanzato, gli studenti hanno inizialmente ripensato il nome della busta, per evitare che con il termine Doggy bag si continuino a considerare gli avanzi di cibo come qualcosa da destinare esclusivamente agli animali domestici. Successivamente hanno creato il logo e i materiali di promozione (una locandina, una vetrofania, un’informativa da inserire nei menù e un talloncino autoportante), al fine di coinvolgere i ristoratori del territorio e di creare una Rete dei Ristoratori Responsabili. Ai ristoratori che aderiranno all’iniziativa, impegnandosi a rispettare i princìpi contenuti nel vademecum di adesione, i ragazzi consegneranno il Kit del Ristoratore Responsabile, contenente una prima dotazione di Foody bag e i relativi materiali di promozione.

 

Un’iniziativa che incentiva il protagonismo e la creatività dei giovani, rendendoli attori responsabili in grado di incidere attivamente sui processi di cambiamento. I ragazzi, infatti, non sono soltanto i protagonisti della creazione dell’iniziativa, ma anche della sua promozione: da oggi pomeriggio inizierà l’attività di porta a porta che li vedrà proporre in prima persona la Foody bag presso i ristoratori della città di Foligno.

 

L’obiettivo dell’iniziativa, che si inserisce all’interno della Campagna di comunicazione contro lo spreco alimentare “Salva il cibo, ama il mondo” che FELCOS Umbria e il Comune di Foligno promuovono nel territorio attraverso il progetto europeo “DON’T WASTE OUR FUTURE!” e che è supportata, oltre che da FELCOS e dal Comune di Foligno, anche da ConfCommercio e ConfEsercenti, è quello di promuovere un cambiamento nelle abitudini dei cittadini, sensibilizzando consumatori e ristoratori sul tema dello spreco alimentare. Questi ultimi, impegnandosi in prima linea nel proporre la Foody bag ai propri clienti, contribuiranno così ad abbattere le resistenze sociali che, specialmente in Italia, continuano a ostacolarne la diffusione.

 

La conferenza si è aperta con i saluti della Vice Presidente di FELCOS Umbria e Assessore alla cooperazione internazionale del Comune di Foligno, Cristina Grassilli, che nel suo intervento ha ribadito l’importanza dell’educazione allo sviluppo sottolineando come “per poter costruire un mondo più equo, sostenibile e orientato al bene comune, pensiamo che sia quanto mai necessario agire, a partire dalle comunità locali, sul piano dell'educazione dei giovani cittadini per offrire loro gli strumenti per conoscere, interpretare e agire consapevolmente in un mondo sempre più interdipendente.”

 

Al cuore della mattinata ci sono stati gli interventi dei ragazzi, che hanno descritto l’iniziativa nel dettaglio partendo dal percorso formativo sul tema dello spreco alimentare e del diritto al cibo che li ha impegnati durante il primo anno di attività del progetto, fino alla creazione della Campagna “Salva il cibo, ama il mondo”.

 

Infine, l’Assessore allo Sviluppo economico Giovanni Patriarchi ha sottolineato l’importanza del coinvolgimento dei ristoratori della città: “Crediamo che entrare a far parte della Rete dei Ristoratori Responsabili sia, prima di tutto, un’opportunità. Essere un Ristoratore Responsabile vuol dire impegnarsi in una serie di azioni e comportamenti virtuosi che contribuiscono in modo sostanziale a ridurre il problema dello spreco alimentare, partendo dalla sensibilizzazione dei propri clienti. Affinché questa buona pratica diventi una prassi consolidata nel tempo è necessario che i ristoratori aderenti si impegnino a sostenere l’iniziativa anche una volta terminata la prima fornitura di Foody bag”.

È importante ricordare – ha proseguito l’Assessore “che la promozione della Foody bag è una delle principali richieste contenute nella Carta DON’T WASTE OUR FUTURE! - Manifesto europeo dei Giovani e degli Enti locali per la riduzione dello spreco alimentare e per il diritto globale al cibo”, elaborata dai giovani e dalle Autorità locali europee nell’ottobre del 2015. Siamo orgogliosi quindi che il Comune di Foligno dia attuazione ai principi della Carta ancora prima che questa venga adottata ufficialmente dall’amministrazione Comunale, adesione che verrà formalizzata a breve.”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


[TORNA INDIETRO]

Condividi su Facebook