Martedì 14 Agosto 2018                     

Conosci Felcos
Felcos informa
Partecipa a Felcos
Sostieni Felcos
Felcos informa / Notizie / Notizie FELCOS

A Gualdo Cattaneo gli alunni dell’Istituto comprensivo “A. Capitini” vanno a scuola con le api

L'iniziativa rientra nelle attività di informazione e sensibilizzazione sul valore dell’Apicoltura che il Comune si è impegnato a promuovere aderendo alla Campagna CooBEEration
04/06/2018


Si è concluso il 31 maggio, con una bella colazione a base di pane e miele nella suggestiva cornice della Rocca Sonora, il progetto “Le api vanno  a scuola”, progetto sostenuto dal Comune di Gualdo Cattaneo e dall’Istituto comprensivo “A. Capitini” di Gualdo Cattaneo con la collaborazione dell’Associazione Produttori Apistici Umbri (APAU), che ha coinvolto gli alunni delle classi 3° e 4° della scuola primaria dell’Istituto.

Durante l’incontro i bambini hanno presentato le arnie che sono state consegnate loro dal Presidente di APAU, Vincenzo Panettieri, e che hanno disegnato e dipinto al termine del percorso di sensibilizzazione sull’importanza delle api che hanno svolto in classe con i loro insegnanti.

Grazie al progetto “Le api vanno a scuola” infatti, gli alunni hanno potuto intraprendere un percorso didattico-pedagogico che li ha avvicinati al mondo delle api e della produzione del miele, un viaggio alla scoperta dell’insetto più importante per la biodiversità e la sicurezza alimentare del nostro pianeta.

Con il supporto delle schede\lezioni preparate dalle insegnanti, il progetto ha avuto l'obiettivo di contribuire a sviluppare, fin dalla tenera età, il senso di responsabilità sia verso gli altri sia nei confronti dell'ambiente, e la consapevolezza circa il ruolo che ciascun cittadino, di oggi e di domani, può giocare nella salvaguardia del territorio.

Dopo il lavoro fatto in classe dalle insegnanti, che hanno saputo coinvolgere in maniera attiva i bambini, ci sono stati due momenti di incontro: il primo il 23 maggio, durante il quale, dopo una presentazione delle tematiche del mondo delle api a cura del presidente dell’APAU, sono state consegnate le arnie ai bambini; il secondo incontro, quello conclusivo, il 31 maggio, momento di condivisione del percorso svolto che è stato esteso al resto degli alunni dell’Istituto, circa 90 bambini.

Il progetto si inserisce nelle politiche  di educazione ambientale  e di  sviluppo economico dell'amministrazione di Gualdo Cattaneo e rientra nelle attività di informazione e sensibilizzazione sul valore dell’Apicoltura come Bene Comune Globale che la Città si è impegnata a promuovere aderendo alla Campagna CooBEEration e diventando un “Comune Amico delle Api”.

L’iniziativa "Comune amico delle api" è stata promossa e lanciata in Umbria nel 2016 da FELCOS Umbria, APIMED (Federazione degli Apicoltori del Mediterraneo), ANCI Umbria, ed APAU al fine di sensibilizzare e promuovere l’impegno degli enti locali di tutto il Mediterraneo nel realizzare una serie di azioni concrete volte alla tutela e alla valorizzazione dell’apicoltura in quanto attività portatrice di interessi comuni e strumento di riqualificazione dei territori, partendo dal ruolo strategico di motore politico e di coordinamento che i Comuni hanno per la promozione dello sviluppo sostenibile e per la difesa e valorizzazione dei propri territori.

Gualdo Cattaneo è stato uno dei primi Comuni umbri ad aver aderito alla Campagna ed è stato in assoluto il primo Comune ad aver realizzato e istallato all'ingresso della città la targa "Comune amico delle api", un gesto dal forte valore simbolico ed identitario che sottolinea l’impegno dell’amministrazione nella protezione delle api e, più in generale, e nella salvaguardia dell’ambiente.

Il progetto “Le api vanno a scuola” ribadisce e conferma l’impegno della città gualdese: fortemente condiviso con la direzione didattica dell'istituto comprensivo “A. Capitini” nella persona della Preside Simona Lazzari e con l’insegnante della scuola primaria Isabella Spacchetti - è pilota per il solo plesso della città di Gualdo Cattaneo ma i promotori auspicano che, visto l’esito positivo e la partecipazione attiva dei bambini, possa estendersi per il nuovo anno scolastico.


[TORNA INDIETRO]