Giovedì 21 Febbraio 2019                     

Conosci Felcos
Felcos informa
Partecipa a Felcos
Sostieni Felcos
Felcos informa / Notizie / In Primo Piano

Beexpo- Biodiversità e impollinazione: la tutela del patrimonio apistico mondiale e lo sviluppo di un’apicoltura sostenibile”

10/06/2015

Martedì 16 giugno FELCOS Umbria e APIMED (Federazione degli Apicoltori del Mediterraneo) interverranno all’evento “Beexpo - Biodiversità e impollinazione: la tutela del patrimonio apistico mondiale e lo sviluppo di un’apicoltura sostenibile”, organizzato dalla Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo (DGCS) del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, in collaborazione con l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, e che si terrà presso Palazzo Castiglioni, in Corso Venezia 47 a Milano.

L’evento, una giornata scientifico-divulgativa e di incontri internazionali dedicata ai temi del patrimonio apistico internazionale, dell’apicoltura sostenibile e dell’importanza della funzione impollinatrice delle api nel mantenimento della biodiversità agroalimentare, si inserisce nell’ambito di Expo Milano 2015 ed ha lo scopo di evidenziare la centralità dell’apicoltura in relazione ai rischi ambientali connessi alla perdita delle colonie di api.

I lavori saranno strutturati intorno a tre tavole rotonde internazionali, “Biodiversità, ambiente e sostenibilità”, “Cooperazione, sicurezza alimentare, nutrizione” e “Strategie e pratiche locali e nazionali, proposte per la definizione di linee guida per un’apicoltura sostenibile e per la salvaguardia del patrimonio apistico mondiale”, che vedranno la partecipazione, tra gli altri, del Vice Ministro delle Politiche Agricole e Forestali, Andrea Olivero, e dei rappresentanti delle controparti di alcuni paesi europei ed extraeuropei, impegnati a delineare possibili linee guida per le politiche di settore.

A tal proposito, la Responsabile Area Progetti e partenariati di FELCOS Umbria e Coordinatrice del progetto “Mediterranean CooBEEration”, Lucia Maddoli, e Vincenzo Panettieri, Presidente di APIMED (Federazione degli Apicoltori del Mediterraneo), sono stati invitati a prendere parte al dibattito e a intervenire alla tavola rotonda “Cooperazione, sicurezza alimentare, nutrizione”, nell’ambito della quale presenteranno il progetto “Mediterranean CooBEEration”, il progetto promosso da FELCOS Umbria e di cui APIMED è partner, finalizzato a sostenere l’apicoltura e il suo ruolo strategico per la salvaguardia della biodiversità e per lo sviluppo socio-economico in tutta l’area mediterranea.

Mediterranean CooBEEration” coinvolge nelle sue attività sei paesi, quali il Libano, il Marocco, la Tunisia, l’Algeria, i Territori palestinesi e l’Italia, concentrandosi su tre assi strategici: il rafforzamento delle capacità degli apicoltori e delle loro associazioni locali e nazionali, le loro competenze tecniche e la loro capacità di partecipare attivamente al dialogo con le istituzioni; la ricerca scientifica finalizzata a studiare il ruolo strategico delle api e dell’apicoltura in aree soggette a degrado, impoverimento della biodiversità e desertificazione; realizzazione di una Campagna di sensibilizzazione internazionale finalizzata a creare un’alleanza globale per proteggere le api e l’apicoltura.

Infine, il progetto ha un ulteriore obiettivo di tipo politico che è quello di contribuire alla costruzione dell’identità, dell’integrazione e della coesione dell’area del mediterraneo e contemporaneamente quello di mostrare come diversi attori di diversa natura, organismi internazionali, autorità locali, produttori, mondo accademico e istituzioni governative possono lavorare insieme articolando e armonizzando i propri ruoli ed azioni nel quadro di un obiettivo comune di sviluppo sostenibile.

Partner del progetto, oltre a FELCOS ed APIMED, sono il Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP), il Dipartimento di Scienze Agrarie dell’Università di Bologna (DIPSA), il Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari (DISAFA) dell’Università di Torino e l’Istituto Nazionale Agronomico della Tunisia (INAT), anch’essi partner del progetto “Mediterranean CooBEEration”.

La partecipazione all’evento è aperta a tutti e non necessita di alcuna registrazione.

 

 

 

 

 

 

 

 


Download: Il Programa dell’evento.

[TORNA INDIETRO]

Condividi su Facebook