Lunedì 22 Aprile 2019                     

Conosci Felcos
Felcos informa
Partecipa a Felcos
Sostieni Felcos
Felcos informa / Notizie / In Primo Piano

Educare al valore della diversità, una risorsa per l’integrazione

Il 17 marzo l’evento di apertura del progetto Network - Antidiscriminazione
15/03/2017

L’impatto della crisi sulle fasce deboli della popolazione e l’acuirsi del fenomeno delle migrazioni hanno contribuito alla crescita, negli ultimi anni, di forti tensioni sociali, sfociate, in alcuni casi, in gravi episodi di violenza xenofoba. Episodi che sembrano essere accompagnati da un processo di legittimazione culturale e politica del fenomeno.

La discriminazione, che rappresenta un ostacolo concreto ai processi di integrazione, è presente in diversi ambiti della vita di un individuo, dal lavoro, all’accesso ai servizi, dalla scuola al tempo libero, e non sempre è riferibile ad un’unica dimensione.

Con lo scopo di contrastare le forme di discriminazione che subiscono i cittadini stranieri e di promuovere modalità e strumenti di tutela dei loro diritti, nasce il Progetto Network- Antidiscriminazione, di cui siamo partner e che verrà ufficialmente presentato in Umbria venerdì 17 marzo in occasione dell’evento di apertura.

Agendo in sinergia con l’Ufficio Nazionale Anti discriminazioni Razziali (UNAR), il progetto, che prevede attività in Umbria, Puglia e Campania, si concentra in particolare sulla prevenzione della discriminazione nei confronti dei cittadini non comunitari in ambito lavorativo.

La condizione occupazionale dei cittadini stranieri in Italia è, infatti, caratterizzata da criticità rilevanti: alta precarietà, forte inattività femminile, scarsa mobilità verso posizioni più qualificate, sotto mansionamento rispetto alle qualifiche e alle esperienze professionali maturate nei paesi di origine.

Il progetto agisce su più fronti e realizza azioni di sensibilizzazione tramite una Campagna online sul tema della discriminazione nel mondo del lavoro. Sarà poi realizzato il Net.work tour, un viaggio a tappe con appuntamenti per informare e informarsi su modalità e strumenti di lotta alla discriminazione.

Sono inoltre previsti dei percorsi educativi con le scuole del territorio; dal 28 marzo saremo, infatti, nelle scuole secondarie di Foligno e Città di Castello e intraprenderemo con i ragazzi un percorso didattico per educare i giovani al valore della diversità culturale e prevenire le forme di intolleranza razziale, indirizzato a guidare i ragazzi a riconoscere i fenomeni di bullismo che colpiscono gli studenti migranti e di seconda generazione.

L’attività didattica vedrà, oltre ai moduli didattici, anche un percorso di peer education che gli studenti che hanno partecipato al percorso formativo realizzeranno con i ragazzi più piccoli del proprio Istituto.

Parallelamente a queste attività di formazione e sensibilizzazione è prevista l’attivazione di 9 sportelli antidiscriminazione di raccolta segnalazioni e supporto giuridico, e la realizzazione di seminari di approfondimento e aggiornamento rivolti agli operatori che svolgono funzioni di intermediazione e di tutela sul territorio.

All’evento di apertura del progetto, in cui Cidis Onlus in qualità di capofila presenterà le attività previste sul territorio regionale, parteciperà l'Assessore alla Coesione Sociale e al Welfare Regionale Luca Barberini, e il Dirigente della Programmazione Sociale Sandro Maria Vestrelli.

Insieme a noi sono partner del progetto, finanziato dal Fondo Asilo e Migrazione del Ministero dell'Interno, la Regione Umbria, Acli Perugia, l’ Agenzia Umbria Ricerche, Alisei Cooperativa Sociale Onlus, l’Istituto di Ricerca su Innovazione e Servizi per lo Sviluppo (IRISS), Consiglio Nazionale Delle Ricerche, CSC Credito Senza Confini, l’Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione (ASGI), Comitato Provinciale Arcigay di Napoli “Antinoo” ONLUS, Regione Puglia, Regione Campania, Comune di Bari e Arci Napoli.

Per saperne di più sul progetto --> http://www.networkantidiscriminazione.it/


[TORNA INDIETRO]

Condividi su Facebook