Domenica 05 Luglio 2020                     

Conosci Felcos
Felcos informa
Partecipa a Felcos
Sostieni Felcos
Felcos informa / Notizie / In Primo Piano

Il Forum dell’Apicoltura del Mediterraneo al tempo dei cambiamenti climatici: oltre 400 partecipanti, tantissime donne

04/12/2019


È stato un successo il decimo Forum dell’Apicoltura del Mediterraneo, tenutosi a Ramallah in Palestina il 30 novembre e il primo dicembre 2019. 

Una presenza nutrita, oltre 400 partecipanti di qui 150 donne e moltissimi giovani, nonostante le difficoltà: lo Stato di Israele non ha rilasciato visti di ingresso ai rappresentanti di Marocco, Tunisia, Giordania, Iraq, Albania e Cipro Nord, parte della rete regionale nata nel 2007 su iniziativa dalla Federazione degli Apicoltori del Mediterraneo (Apimed).

Un successo che si inserisce all'interno del progetto "BEE THE CHANGE - Rafforzamento del settore apistico e sostegno alla filiera delle piante aromatiche e officinali per lo sviluppo socio-economico della Palestina, realizzato  da FELCOS Umbria tra Ramallah e Jenin e finanziato da AICS - Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo e dalla Regione Umbria: in corso da oltre un anno, il progetto punta alla promozione delle opportunità di lavoro e reddito per giovani e donne nelle campagne delle due città palestinesi, attraverso il sostegno all'apicoltura e alla filiera delle piante aromatiche e officinali.

«L’apicoltura mediterranea è una risorsa importante sia dal punto di vista economico sia da quello ecologico e ambientale», aveva spiegato nei giorni precedenti al Forum Vincenzo Panettieri, presidente di Apimed. Che, ora, a conclusione del decimo appuntamento mediterraneo ne celebra i risultati, a fronte di cambiamenti climatici pericolosi che mettono a rischio le api e gli ecosistemi globali: «Le due giornate di comunicazioni e proposte sia scientifiche che tecniche ci consegnano molti elementi sui quali continuare a lavorare – spiega Panettieri – Di grande qualità sono state le relazioni presentate in ognuna delle quattro sessioni (clima, produzione e mercato, nuovi orizzonti, politiche per l’apicoltura).Molto interessante il serrato e animato dialogo, avviato tra istituzioni locali e mondo dell’apicoltura palestinese, che il Ministero dell’Agricoltura si è impegnato a coordinare e rendere permanente». «Abbiano vissuto questo evento con passione e interesse e abbiamo conseguito risultati oltre le nostre aspettative. Non sottovaluto infine il particolare e difficile contesto palestinese per il quale, ancora una volta, non è stata possibile la partecipazione della totalità dei membri di Apimed; tuttavia non cesseremo, come Federazione Mediterranea, di lavorare perché anche questa difficoltà possa, nel nostro futuro anche prossimo, essere un ricordo del passato».

Tra gli stand della mostra fieristica che esponevano la produzione locale, barattoli di miele arrivati da tutta la Palestina, da Gaza a Nazareth, la rete degli apicoltori del Mediterraneo si è incontrata di nuovo per condividere esperienze e conoscenze, ma soprattutto per mettere sul tavolo le questioni più pressanti per il settore e individuare strategie di intervento: l’innalzamento delle temperature a livello globale, l’inquinamento, la desertificazione, un rischio serissimo per le api e per gli ecosistemi in cui vivono.

Il Forum, la cui prima edizione risale al 2007 e che in questi anni si è mosso tra Italia, Marocco, Libano, Tunisia e Algeria, è stato aperto dagli interventi del ministro dell’Agricoltura palestinese Riad Attari, del console italiano a Gerusalemme Riccardo Filippo e di Veronica Bertozzi per l'Ufficio AICS di Gerusalemme.

Con il patrocinio del presidente Palestinese Mahmoud Abbas, organizzato da Apimed, FELCOS Umbria, Ministero dell’Agricoltura Palestinese, nell’ambito del progetto Bee the Change, finanziato da AICS e dalla Regione Umbria, per due giorni la rete di apicoltori del Mediterraneo, le cooperative, le associazioni, gli enti locali e nazionali, si sono incontrati nelle sale della Red Crescent Society di  Ramallah /Al Bireh, in Palestina, per affrontare le tante sfide che l’attività apistica regionale pone in un periodo di profondi e pericolosi cambiamenti climatici.

Tra le relazioni presentate quelle del presidente di Apimed Vincenzo Panettieri e di Lucia Maddoli di Felcos Umbria, il vice direttore del programma Fao per Cisgiordania e Gaza, Azzam Saleh, esperti della materia dalle Università di Torino, Al-Najah di Nablus, Al-Quds ed Hebron, i responsabili delle cooperative di apicoltori di Jenin e Ramallah e vari tecnici del Ministero dell’Agricoltura Palestinese e del Narc, il centro nazionale di ricerca in agricoltura. In video conferenza sono intervenuti gli apicoltori algerini e libanesi, impossibilitati a raggiungere Ramallah dal divieto di ingresso israeliano.

Il Forum, dedicato alla memoria di Francesco Ruini, esperto apicoltore di Reggio Emilia, cooperante, tra i fondatori di Conapi, scomparso a 66 anni lo scorso settembre in Ghana, è stata infine l’occasione per annunciare l’allestimento dei due centri di assistenza tecnica delle cooperative di Ramallah e Jenin.

***

DIECI ANNI DI FORUM

Il Mediterranean Beekeeping Forum (Mbf), organizzato dalla Federazione degli Apicoltori del Mediterraneo (Apimed), nasce a Foligno, in Umbria, nel 2007 su iniziativa di Apau-Associazione Produttori Apistici Umbri, FELCOS Umbria e Comune di Foligno.

Da allora rappresenta un'unica e fondamentale occasione di dialogo e incontro tra apicoltori del Mediterraneo e ha permesso la nascita di una rete di 24 membri, tra associazioni territoriali e cooperative apistiche, in 12 paesi (Italia, Marocco, Francia, Tunisia, Algeria, Libano, Albania, Palestina, Iraq, Giordania, Egitto e Turchia), con il coinvolgimento di istituti di ricerca, enti locali e nazionali e organizzazioni internazionali.

Alla base di Mbf sta la condivisione di conoscenze ed esperienze a fini di difesa e promozione dei luoghi e dell'attività apistica, ma anche l'arricchimento culturale attraverso lo sviluppo economico e umano. I principali obiettivi del Forum sono il supporto al settore apistico nell'area mediterranea, la promozione della produzione apistica territoriale e certificata, la definizione di norme comuni, la trasparenza e l'apertura di nuove mercati nell'area, la creazione di un brand di qualità, la salvaguardia delle api da miele e dei loro ecosistemi.

Dal 2007 si sono svolti dieci Forum, ospitati in Italia, Marocco, Libano, Tunisia e Algeria. Quest'anno si torna a Ramallah, in Palestina.

 

***

BEE THE CHANGE

Il Forum si è svolto in Palestina, dove è in corso il progetto Bee the Change, realizzato da FELCOS Umbria, finanziato da Aics e Regione Umbria, in collaborazione con numerosi partner italiani e palestinesi

L'obiettivo di promozione del reddito e del lavoro in un'economia svantaggiata è realizzato attraverso la formazione di apicoltori e apicoltrici e delle donne dell'associazione Aowa, da anni impegnata nella produzione di saponi e oli essenziali; l'allestimento di due centri di lavorazione e vendita del miele; il rafforzamento delle capacità imprenditoriali delle organizzazioni locali; e l'avvio di una nuova coltivazione di piante aromatiche per l'estrazione di oli essenziali.

Per informazioni sul progetto, i suoi obiettivi e i risultati: https://www.beethechange.it/




[TORNA INDIETRO]