Giovedì 19 Settembre 2019                     

Conosci Felcos
Felcos informa
Partecipa a Felcos
Sostieni Felcos
Felcos informa / Notizie / In Primo Piano

Novembre, tre giornate internazionali: per la Tolleranza, per i Diritti dell’Infanzia e per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne

15/11/2011

Sono tre le date internazionali di questo mese, il 16, il 20 e il 25, che l’Assemblea Generale dell’ONU ha, negli anni, riconosciuto come Giornate Internazionali.

Le giornate internazionali che ricadono in questi giorni sono rispettivamente: la Giornata Internazionale per la Tolleranza, la Giornata Universale dei Bambini e la Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne.

 Il 16 Novembre del 1996 l'Assemblea Generale invitava gli Stati membri ad osservare la Giornata Internazionale per la Tolleranza e ad organizzare attività dirette, sia alle istituzioni scolastiche, sia ad un pubblico più vasto. Questa decisione veniva presa dopo il 1995, Anno della Nazioni Unite per la Tolleranza,­ proclamato dall’Assemblea Generale nel 1993.

L'Anno era stato dichiarato su iniziativa dell’UNESCO (Conferenza Generale delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura); il 16 Novembre 1995, gli Stati Membri dell’UNESCO adottavano, così, la Dichiarazione di Principi sulla Tolleranza. Allo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica, di sottolineare i pericoli dell’intolleranza e di riaffermare il nostro impegno e la nostra determinazione ad agire in favore della promozione della tolleranza e dell’educazione alla tolleranza, proclamiamo solennemente il 16 novembre Giornata internazionale della tolleranza.  Art. 6 della Dichiarazione di principi sulla Tolleranza. Per leggere l’intero testo della Dichiarazione clicca qui.

Il 20 Novembre, invece, si celebra ogni anno la Giornata Universale dei Diritti dell’Infanzia, istituita dall’Assemblea nel 1954, da osservare come un giorno di fraternità e di attività per la promozione del benessere dei bambini di tutto il mondo. La data del 20 Novembre segna il giorno in cui l'Assemblea ha adottato la Dichiarazione dei diritti del Bambino, nel 1959, e la Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia nel 1989.
La Convenzione, ratificata da 193 Stati, ad esclusione di Somalia e Stati Uniti, rappresenta lo strumento normativo internazionale più completo a tutela dei diritti dell’Infanzia. L’Italia ratificava la Convenzione nel maggio del 1991 con Legge n. 176. L’Unicef Italia (Fondo delle Nazioni Unite per l'Infanzia) quest’anno celebrerà la Giornata internazionale a Milano, in occasione della quale verrà anche presentata una Campagna a favore dell’uguaglianza dei diritti di tutti i bambini e adolescenti di origine straniera. Per visionare il Programma dell'iniziativa Unicef Italia clicca qui e per leggere, invece, il testo integrale della Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia clicca qui.

Ricorre, inoltre, il 25  Novembre, la Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, giornata che l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite istituì nel 1999, al fine di sensibilizzare governi e popolazione mondiale. La data richiama e ricorda il massacro delle sorelle Mirabal, attiviste politiche, ricordate anche come ‘las mariposas’, durante il regime domenicano di Rafael Trujillo, che accadde proprio il 25 novembre del 1960.  Tante le attività e le forme di advocacy create negli anni per eliminare questa forma di violenza, da governi, associazioni e individui. Tra le ultime è da ricordare, la Campagna UNITE to End Violence against Women, lanciata nel 2008, dal Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, che chiama i governi, la società civile, i media e l’intero sistema delle Nazioni Unite, ad agire insieme per combattere la globale violenza contro le donne e le ragazze. Da tale campagna e con l’iniziativa di UNIFEM (Fondo delle Nazioni Unite per lo Sviluppo delle Donne) nasce, nel Novembre del 2009, anche la piattaforma globale di advocacy ed di azioni chiamata SAY NO – UNITE to End Violence against Women, allo scopo di permettere ai singoli individui, ai gruppi della società civile e ai Governi di condividere e registrare le iniziative intraprese. Per info sulla Campagna UNITE to End Violence against Women clicca qui e per Info sulla Piattaforma  SAY NO – UNITE to End Violence against Women clicca qui. 


[TORNA INDIETRO]