Domenica 20 Ottobre 2019                     

Conosci Felcos
Felcos informa
Partecipa a Felcos
Sostieni Felcos
Felcos informa / Notizie / In Primo Piano

Peer Education, una metodologia di apprendimento alla pari sullo spreco alimentare

24/03/2016


Dopo il percorso educativo realizzato nelle scuole umbre il 26 gennaio scorso sono iniziati i laboratori di Peer Education (apprendimento tra pari) che proseguiranno fino alla fine di aprile, nell’ambito del progetto “DON’T WASTE OUR FUTURE!” di cui FELCOS Umbria è promotore.

Peer Education è un termine utilizzato per descrivere le iniziative in cui giovani studenti, di una stessa fascia di età e con un comune background socio-culturale, si educano e si informano l’un l’altro su alcune tematiche; nel nostro caso, sul tema del consumo responsabile del cibo, dello spreco alimentare e le sua relazione con lo sviluppo sostenibile e del diritto al cibo.

La logica della Peer Education è che insegnare ad altri studenti rende i giovani educatori innanzitutto più consapevoli della loro conoscenza e della loro esperienza sul tema; allo stesso tempo, grazie al loro ruolo, rappresentano una fonte fidata e credibile di informazione per i propri “pari”. I giovani, infatti, assumendosi il compito di condividere conoscenze, di impegnarsi e di negoziare nuove idee per risolvere i problemi, diventano promotori di apprendimento e di cambiamento negli atteggiamenti di altri giovani, come dei veri e propri ambasciatori verso i loro coetanei.

Le finalità di questa attività sono infatti quelle di sensibilizzare ed aumentare la consapevolezza di ragazzi e bambini sul paradosso dello spreco alimentare e sulle ineguaglianze nella distribuzione del cibo nel pianeta, anche attraverso la presentazione dei principali contenuti della “Carta Don’t waste our future! - Manifesto europeo dei Giovani e degli Enti locali per la riduzione dello spreco alimentare e per il diritto globale al cibo” e del percorso che ha portato alla sua costruzione.

Cosa prevede dunque il nostro percorso di Peer Education?

L’attività è composta di due fasi. Nella prima parte sono previsti due incontri di preparazione alla metodologia di “apprendimento tra pari” per gli studenti delle classi delle superiori coinvolte, per approfondire in modo interattivo sia le finalità educative ed i concetti principali da trattare, sia la metodologia e le attività ludico-esperienziali da realizzare.

Durante i laboratori di formazione, 4/5 ragazzi per ciascuna classe si autocandideranno per costituire il gruppo che condurrà due laboratori sul tema dello spreco alimentare e del diritto al cibo, in una classe della Scuola Primaria o della Scuola Secondaria di Primo grado della stessa città.

La seconda parte del percorso prevede, infatti, la realizzazione di due incontri rivolti ad alunni di età inferiore, ideati e condotti dal gruppo di studenti formati con il supporto di esperti di FELCOS Umbria, rispettivamente sulle connessioni tra diritto al cibo e spreco alimentare, e sui comportamenti alimentari e la salute del pianeta.

Le scuole umbre coinvolte nel percorso di Peer Education sono:

 

FOLIGNO:                

Associazione CNOS FAP

Istituto Istruzione Superiore “Orfini”

Liceo Classico “F.Frezzi-Beata Angela”

Scuola secondaria di I grado “G. Piermarini”

Scuola Primaria S.Caterina

PERUGIA:                

Istituto Tecnico Tecnologico Statale “Volta”

Scuola Secondaria di I grado “Castel del Piano”                                                                    

Scuola Secondaria di I grado “Pascoli”

TERNI:                     

Istituto Istruzione Superiore Professionale e Tecnico-Commerciale“A.Casagrande”-F.Cesi”

Scuola Primaria “G.Mazzini”         

Scuola Secondaria di I grado “De Filis”

CITTA’ di CASTELLO:        

Istituto Istruzione Superiore Polo Tecnico “Franchetti-Salviani”

Scuola Primaria “S.Filippo”

ORVIETO:                

Istituto Istruzione Superiore Artistica Classica Professionale

Scuola Primaria “Barzini”

TODI:                        

Istituto di Istruzione Superiore “Ciuffelli-Einaudi”

Scuola Primaria “Portafratta”


[TORNA INDIETRO]

Condividi su Facebook