Venerdì 24 Novembre 2017                     

Conosci Felcos
Felcos informa
Partecipa a Felcos
Sostieni Felcos
Felcos informa / Notizie / Notizie FELCOS

Prosegue il viaggio di Mediterranean CooBEEration per il rafforzamento delle capacità degli apicoltori del Mediterraneo.

Marocco e Palestina le prossime tappe
20/02/2017


Proseguono le giornate di formazione e assistenza tecnica organizzate da APIMED (Federazione degli Apicoltori del Mediterraneo) e FELCOS Umbria per il rafforzamento delle capacità degli apicoltori del Mediterraneo.

Fino al 24 febbraio, infatti, 20 apicoltori dell’Unione delle Cooperative e delle Associazioni di Tétouan, nel nord del Marocco, parteciperanno alla missione di formazione e interscambio di esperienze sui temi dell’allevamento delle api regine e su aspetti pratici di miglioramento sul campo delle biotecniche di lotta alle malattie delle api. A realizzare la formazione sarà Alberto Ciampelli, esperto tecnico e Vice-Presidente di APAU, l'associazione degli apicoltori dell'Umbria.

A marzo saremo poi in Palestina dove, Andrea Lilli, esperto tecnico di APIMED, incontrerà gli apicoltori rappresentativi di tutte le cooperative apistiche della Cisgiordania per uno scambio di buone pratiche ed esperienze sui temi del miglioramento della gestione degli alveari e della lotta alle principali malattie delle api, varroa e peste americana in primis.

Le missioni si realizzano nell’ambito del progetto di cooperazione “Mediterranean CooBEEration”, che FELCOS promuove in collaborazione con APIMED e finalizzato a sostenere l’apicoltura e il suo ruolo strategico per la salvaguardia della biodiversità e per il miglioramento della sicurezza alimentare e dello sviluppo socio-economico in tutta l’area mediterranea.

Oltre a FELCOS e APIMED, sono partner del progetto, finanziato dall’Unione Europea, il Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP), il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-ambientali dell’Università di Bologna (DIPSA), il Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari dell’Università di Torino (DISAFA) e con l’Istituto Nazionale Agronomico Tunisino (INAT).

 

 

 

 


[TORNA INDIETRO]

Condividi su Facebook