Venerdì 24 Novembre 2017                     

Conosci Felcos
Felcos informa
Partecipa a Felcos
Sostieni Felcos
Felcos informa / Notizie / In Primo Piano

Terminato il IV Forum “Territori in rete per lo Sviluppo Umano”

13/10/2014


Il 9 e 10 ottobre 2014 si è svolto a Foligno il IV Forum “Territori in rete per lo Sviluppo Umano” organizzato da FELCOS Umbria e da RETÈCO, la neo-nata Federazione italiana delle reti territoriali per lo sviluppo e la cooperazione internazionale, con il patrocinio della Regione Umbria, del Comune di Foligno e di ANCI Umbria.

Giovedì pomeriggio si è tenuta l’Assemblea costituente di RETÈCO (Federazione italiana delle reti territoriali per lo sviluppo e la cooperazione internazionale), il primo organismo nazionale di coordinamento e rappresentanza nazionale della cooperazione decentrata, composto attualmente da più di dieci Reti territoriali italiane, la cui Presidenza è stata affidata a Joseph Flagiello, Presidente di FELCOS Umbria, e il Coordinamento nazionale a Massimo Porzi, Direttore di FELCOS Umbria.

Il dibattito sulle prospettive europee della cooperazione ha ribadito l’importanza della centralità degli Enti Locali nelle politiche di cooperazione, in particolar modo quando essi, tramite le associazioni che li rappresentano, possono concertare e definire comuni politiche pubbliche di cooperazione territoriale, strategie e sinergie, in grado di moltiplicare i risultati e l’impatto sui processi di sviluppo.

Venerdì mattina i lavori sono proseguiti con il convegno “La dimensione locale dello sviluppo e il ruolo della cooperazione territoriale. Costruire alleanze”, durante il quale, oltre ai rappresentanti di 15 reti territoriali italiane e due europee, sono intervenuti, tra gli altri, Catiuscia Marini, Presidente della Giunta Regionale dell’Umbria, Nando Mismetti, Sindaco del Comune di Foligno e neo eletto Presidente della Provincia di Perugia, l’On. J.L.Touadi, Consigliere Politico del Vice-Ministro del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, che ha presentato le principali novità introdotte dalla nuova legge sulla cooperazione internazionale recentemente approvata, Giovanni Camilleri, responsabile dell’Iniziativa ART del Programma delle Nazioni Unite, Francesco Petrelli, portavoce di Concord Italia, Grammenos Mastrojeni, Responsabile della Cooperazione decentrata della DGCS del MAE.

La Presidente Marini nel suo intervento ha sottolineato l’importante ruolo svolto da FELCOS Umbria nella nostra Regione ed ha valutato positivamente la creazione della Federazione RETÈCO. “La costituenda RETÈCO, di cui l’Umbria si è fatta promotrice” - ha sottolineato la Presidente, “ è un importante nuovo elemento a livello italiano ed internazionale, necessario a rafforzare e rappresentare il ruolo delle autonomie locali nello sviluppo e nella cooperazione internazionale e a promuovere la cooperazione come elemento di politica pubblica locale.

Per rafforzare la dimensione europea della cooperazione territoriale italiana al convegno hanno partecipato anche rappresentanti di reti di altri paesi europei ed è stata approvata la Dichiarazione di intenti per la costruzione di una Rete europea di associazioni di autorità locali per la cooperazione internazionale, i cui promotori sono RETÈCO, CONFOCOS (Federazione Spagnola dei Fondi per la Cooperazione e la Solidarietà) e la Rete Portoghese di Autorità Locali per la Cooperazione.

  “Oggi si sancisce definitivamente il ruolo dei territori nella sfida alla complessità dello sviluppo umano e per la costruzione di dinamiche positive di sviluppo sostenibile nei nostri territori e nei territori con i quali cooperiamo“ ha concluso Joseph Flagiello.

 Il IV Forum ha rappresentato un importante punto di arrivo di un percorso di promozione ed aggregazione che i soggetti della cooperazione territoriale italiana hanno costruito a partire dal 2011, in seguito al primo Forum organizzato da FELCOS Umbria, e che ha portato alla creazione della Federazione. Nonostante la crisi economica e la riduzione delle risorse e del consenso politico e sociale rispetto alla cooperazione, si è riusciti a promuovere con successo il rafforzamento e la creazione di reti territoriali per la cooperazione, intese come alleanze orizzontali che, a partire dal ruolo politico e dalla leadership degli Enti Locali, coinvolgono, in una visione di sistema, i differenti attori locali pubblici, privati e associativi di un territorio.

La Federazione nasce intorno all'idea che la cooperazione internazionale deve essere parte integrante della politica pubblica degli enti locali e dei territori e che, oltre tutto, rappresenta anche un importante antidoto alla chiusura e alla visione ristretta che la crisi economica che stiamo vivendo rischia di produrre” ha affermato Massimo Porzi nel suo intervento.

La Federazione nasce con lo scopo di riunire e rafforzare le reti territoriali italiane impegnate nella cooperazione internazionale e promuovere la cooperazione territoriale come parte integrante delle politiche pubbliche locali e come modalità innovativa ed efficace per affrontare le sfide per lo sviluppo sia a livello locale che globale, in un’ottica di solidarietà, reciprocità, dialogo e comune interesse.

RETÈCO vuole rappresentare la cooperazione territoriale italiana e si propone come interlocutore nei confronti del governo nazionale, in articolazione con la dimensione europea, internazionale e con il quadro multilaterale.

La Federazione rappresenta anche il risultato dell’impegno che FELCOS Umbria ha messo nel promuovere e trainare questo percorso nazionale della cooperazione territoriale e, al tempo stesso, un risultato di tutti i soci e i partner regionali di FELCOS che in questi anni hanno lavorato per portare “l’Umbria nel mondo e il mondo in Umbria”, all’interno di una visione sostenibile ed equa dello sviluppo.

Impegno riconosciuto a livello nazionale da tutti i soci della nuova Federazione ed espresso attraverso la scelta del Presidente, del Coordinatore e della sede operativa affidati a FELCOS Umbria.

La Federazione nasce in un contesto nazionale e globale ricco di cambiamenti e di sfide: in Italia si è appena approvata la nuova legge sulla cooperazione internazionale, la 125/2014, che disegna un nuovo quadro di riferimento nazionale e apre ad una proficua prospettiva di interlocuzione e collaborazione tra gli attori della cooperazione territoriale, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale e la nascente Agenzia; l’Unione Europa, che in questi anni ha sostenuto la cooperazione territoriale sia da un punto visto politico che economico, si trova ora all’inizio di un nuovo mandato, rappresentando un’opportunità per raccogliere e consolidare i risultati prodotti e per rafforzare la collaborazione con la cooperazione territoriale.

A livello internazionale, infine, il dibattito sull’Agenda Post 2015 fornisce un ulteriore quadro di riferimento, e le riflessioni sulla dimensione locale dello sviluppo contribuiscono a rilanciare il ruolo delle città e dei territori nel quadro delle sfide globali per lo sviluppo sostenibile. 

I soci fondatori della Federazione, oltre a FELCOS Umbria, sono ACCI Como (Associazione Comasca per la Cooperazione Internazionale), ALCI Lodi (Associazione Lodigiana per la Cooperazione Internazionale), EUAP (Euro-African Partnership ONLUS), FPMCI - Fondo Provinciale Milanese per la Cooperazione Internazionale, il Forum Territoriale della Cooperazione di Firenze, l’Istituzione Centro Nord-Sud di Pisa, il Sistema Territoriale Pavese per la Cooperazione Internazionale ed infine Water Right and Energy Foundation ONLUS.

Hanno inoltre aderito alla Federazione in qualità di partner ARCOLAB, (laboratorio di ricerca-azione dell’ Università di Firenze), CICU (Comitato Italiano Città Unite), Januaforum (Iniziativa Ligure per la Promozione di Partnership Internazionali) e ILS-LEDA (International Links and Services for Local Economic Development Agencies).

 Oltre a Joseph Flagiello nominato Presidente e Massimo Porzi nominato Coordinatore Nazionale della Federazione, sono stati nominati Vicepresidenti Francesco Brendolise, Presidente del Sistema Territoriale Pavese per la Cooperazione Internazionale, Pietro Accame, Presidente del Fondo Provinciale Milanese per la Cooperazione Internazionale ed Enrico Cecchetti, Presidente di EUAP ONLUS.

Gli altri Membri del Consiglio Direttivo sono Paolo Mascetti, Presidente di ACCI Como, Andrea Ferrari, Presidente di ALCI Lodi, Stefano Fusi, Rappresentante del Forum Territoriale della Cooperazione di Firenze, Silvia Pagnin, Presidente Istituzione Centro Nord-Sud di Pisa, Mauro Perini, Presidente di Water Right and Energy Foundation ONLUS.

Il Dipartimento Scientifico di RETÈCO sarà diretto da Guido Milani, Direttore del Fondo Provinciale Milanese per la Cooperazione Internazionale, mentre Alice Concari di EUAP ONLUS è stata nominata Responsabile del Dipartimento di Relazioni esterne della Federazione.

Tra i membri del Comitato esecutivo anche Paolo Prosperini dell’Istituzione Centro Nord-Sud di Pisa, Vincenzo Striano di Water Right Foundation e Eligio Gandossi, Coordinatore di ALCI Lodi.


[TORNA INDIETRO]